Vuoi salvare Shoujo Love prima che chiuda per sempre?

Hai tempo fino al 31 Maggio 2019 per fare una donazione e aiutarci a ricostruire un sito tutto nuovo! Il nostro destino è nelle mani di te che stai leggendo le nostre recensioni!

Aiutaci per favore, non permettere che un sito come Shoujo Love, attivo da 16 anni, chiuda per sempre. Un tuo piccolo contributo può salvarci.

Clicca sul banner e scopri le 5 ragioni per le quali non potrai fare a meno di aiutare Shoujo Love. Fai una donazione! Non permettere che Shoujo Love chiuda per sempre

Se hai bisogno di informazioni o vuoi fare domande scrivici a info@shoujo-love.net o contattaci tramite i nostri social. Grazie per il tuo aiuto.

Lo Staff di Shoujo Love

Fuyumi Soryo

Mangaka

Data di nascita:

6 Gennaio 1959

Gruppo Sanguigno:

O

Segno Zodiacale:

Capricorno

Debutto:

"Hidamari no Homonsha" (1982)

 

Fuyumi Soryo nasce il 6 gennaio del 1959 a Beppu nella prefettura di Oita e debutta con la storia breve Hidamari no Homonsha per la Shogakukan. Nel 1982 partecipa a un concorso indetto dalla Shogakukan, arrivando 10° (e vincendo così un premio) senza aver mai letto o realizzato un manga (prima di allora infatti aveva fatto solo qualche illustrazione). Così la sensei decide di intraprendere la carriera di mangaka, e dopo aver letto qualche shoujo per studiarne i meccanismi e il funzionamento, inizia a lavorare per la Shogakukan. Ben presto si rivela una mangaka molto prolifica, e questo probabilmente è dovuto al motivo che la spinge a disegnare: il denaro. Lei infatti, a differenza della maggioranza di mangaka, considera il suo un vero e proprio lavoro e non una passione, per questo crea le sue storie in base a quello che potrebbe piacere al pubblico. Ed infatti in un'intervista ha affermato che non si diverte molto a farlo, anzi preferirebbe lavorare nel cinema. Nei suoi primi anni di attività lavora per la Shogakukan, pubblicando per lo più opere brevi o costituite da pochi volumi. Successivamente la sensei, destando un certo clamore, passa alla casa editrice Kodansha per ragioni economiche e di prospettive lavorative, dove ristamperà in edizioni di lusso quasi tutti i suoi manga precedenti. Per questa casa editrice pubblicherà le sue opere di maggior successo.

Opere

BoyfriendOnajikurai Ai (1985): è il primo manga della Soryo ad essere raccolto in tankobon, e consta di due volumi. La protagonista è la figlia di una famosa attrice (per più info visita la sezione).

Boyfriend (1985): costituito da 10 volumi, è una delle opere più famose della Soryo (per più info visita la sezione).

Pink na kimi ni Blue na Boku (1985): composto da 8 volumi e serializzato su Ciao.

Rose Tea de Hajimaru (1986): raccolta storie brevi.

3 Three (1988): composto da 14 volumi e ambientato nel mondo della musica (per più info visita la sezione).

Owaru Heart Janee (1989): raccolta di storie brevi (per più info visita la sezione).

Kanojo ga Cafe ni iru (1992): composto da 6 volumi, racconta la storia di Michiru, coinvolta in un triangolo amoroso (per più info visita la sezione).

Eden de Aou (1992): volume unico che vede protagonista una studentessa di una scuola d'arte.

3Saboten (1995): volume unico (per più info visita la sezione).

Tennen no Musume-san (1994): miniserie in due volumetti.

Doll (1996): volume unico (per più info visita la sezione).

Mars (1996): composto da 15 volumi e un extra (per più info visita la sezione).

ES - Eternal Sabbath (2001): seinen pubblicato anche in Italia e composto da 8 volumi.

Taiyoo no Ijiwaru (2002): raccolta di storie brevi (per più info visita la sezione).

Tamara (2004): volume unico (per più info visita la sezione).

Cesare (2006): è un seinen (attualmente in corso su Morning) che racconta la vita di Cesare Borgia.

Marie Antoinette (2016): volume unico. È un seinen, pubblicato dalla Kodansha con la collaborazione della casa editrice francese Glénat. Racconta la giovinezza di Maria Antonietta, regina di Francia (per più info visita la sezione). 

Opere presenti sul sito

Stile

Il suo è uno stile particolare che difficilmente può essere reso in un anime: i personaggi sono delineati da poche segni, l'uso dei fondini è limitato da un ottimo e ripetuto utilizzo del chiaroscuro. Le tavole sono ritagliate in misura irregolare e molta attenzione è rivolta all'espressività dei personaggi, in particolare gli occhi diventano uno specchio nel quale è riflesso lo stato d'animo dei protagonisti.

Curiosità

La Soryo al liceo disegnava su richiesta delle amiche i loro ragazzi ideali, e casualmente un giorno, una sua amica accanita lettrice di manga, le lasciò una rivista shoujo, la sensei la guardò di sfuggita, accorgendosi che c'era un annuncio di un concorso per aspiranti mangaka. Lei decise di partecipare, e da qui ebbe inizio la sua carriera... La cosa strana della mangaka è che non è un amante dei manga, anzi, lei stessa ha affermato più volte che non le sono mai piaciuti, ma li legge solo ed esclusivamente per documentarsi. Anche le sue opere sono state create con il solo scopo di piacere al pubblico, infatti ha realizzato tante storie d'amore anche se avrebbe preferito crearne di più forti. È nata nella famiglia Kanze, caposcuola del teatro No, ma questo genere non le è mai piaciuto particolarmente.

Cosa ha detto delle sue opere

Nell'intervista pubblicata su Kappa Magazine Plus n°117 di Marzo del 2002, la mangaka ha parlato un po' dei personaggi dei suoi manga, e per quanto riguarda Makio di Mars, ha detto: "Poco prima della nascita di Makio un ragazzo di quattordici anni ha ucciso un bambino in maniera macabra a Kobe, e io ho temuto che la gente arrivasse a pensare che nella mia volessi incitare certi comportamenti. Il fatto che poi Rei usasse un coltello simile a quello dei criminali minorenni reali mi metteva in una posizione ancora più difficile. La storia di Mars era già nata molto prima di quei fatti, per cui, dopo aver informato il redattore, ho provveduto a smussare le caratteristiche negative di Makio. Ci siamo resi conto che esistono adolescenti molto più violenti di quanto si potesse immaginare, e che probabilmente sono diventati così perché precedentemente erano stati vittime a loro volta. Ho studiato molto queste caratteristiche, ed è su queste che ho plasmato Makio: una persona che risponde alla violenza con un altro tipo di violenza, meno fisica ma ugualmente crudele." Ha anche accennato a Rei, sempre di Mars: "Sviluppare Rei è stato più facile perché molti miei amici sono più o meno come lui. Un po' degli animali, insomma. Ah ah ah! Per le ragazze, invece, ho dovuto seguire le regole degli shoujo manga, e crearle docili, carine, sincere e rispettose dei loro ragazzi."

CREDITS
Per le info riportate in questa pagina ringraziamo il sito Neko BonBon e l'intervista pubblicata su Kappa Magazine Plus n°117 di Marzo del 2002.