Vuoi salvare Shoujo Love prima che chiuda per sempre?

Hai tempo fino al 31 Maggio 2019 per fare una donazione e aiutarci a ricostruire un sito tutto nuovo! Il nostro destino è nelle mani di te che stai leggendo le nostre recensioni!

Aiutaci per favore, non permettere che un sito come Shoujo Love, attivo da 16 anni, chiuda per sempre. Un tuo piccolo contributo può salvarci.

Clicca sul banner e scopri le 5 ragioni per le quali non potrai fare a meno di aiutare Shoujo Love. Fai una donazione! Non permettere che Shoujo Love chiuda per sempre

Se hai bisogno di informazioni o vuoi fare domande scrivici a info@shoujo-love.net o contattaci tramite i nostri social. Grazie per il tuo aiuto.

Lo Staff di Shoujo Love

Keiko Suenobu

Mangaka

Data di nascita:

23 Marzo 1979

Gruppo Sanguigno:

O

Segno Zodiacale:

Ariete

Debutto:

"Tewotsunago" (2000)

 

Keiko Suenobu è nata a Kitakyushu, nella prefettura di Fukuoka, il 23 marzo del 1979. All'inizio della sua carriera lavorava principalmente a storie brevi, raccolte in diverse antologie (Saikyo no jun'ai e Kando no jun'ai). 

Opere

HopeVitamin (2001): tratta del bullismo giovanile nelle scuole ed è costituito da un unico volume (per più info visita la sezione).

Life (2002): anche qui vengono trattati temi forti come l'autolesionismo. L'opera, conclusa con il volume 20 sulla rivista Betsufure, ebbe fin da subito un enorme successo, tanto da vincere nel 2006 il Kodansha Manga Award (per più info visita la sezione).

Happy Tomorrow (2003): raccolta di storie brevi.

Limit (2009): 6 volumi che raccontano la storia del tragico incidente di uno scuolabus (per più info visita la sezione).

Hope (2013): altra serie di 6 volumi, vede protagonista un'aspirante mangaka.

Life 2 (2016): è il sequel della sua opera più famosa e si compone di 6 volumi.

Ochitara Owari (2019): attualmente in corso su Be-Love.

Opere presenti sul sito

Stile

Keiko Suenobu è un'autrice che si è fatta conoscere in Giappone proprio grazie a storie dalle tematiche forti come Life e Vitamin. Il suo stile non è molto dettagliato, ma sa rendere alla perfezione i sentimenti forti e il dolore dei personaggi. La sensei non si dedica a questi temi per puro caso. Infatti in Giappone i giovani sono sempre più assillati da impegni e oneri scolastici, tanto che nelle scuole violenze e situazioni drammatiche come quelle rappresentate dai suoi manga, sono comuni. Dunque la mangaka ha voluto rappresentare con le sue opere la realtà, anche se questa è cruda o difficile da accettare.