Alpen Rose

Mangaka Michiyo Akaishi Voto
1 1 1 1 1 (1 Vote)
Genere e Traget Shoujo, Drama, Historical, Romance Giudizio

Mangaka Michiyo Akaishi Voto
1 1 1 1 1 (1 Vote)
Genere e Traget Shoujo, Drama, Historical, Romance Giudizio

Trama

Alpen rose1925: nasce in Svizzera un bambino di nome Lundi.

1926: viene alla luce una delicata e graziosa fanciulla di origine tedesca. Le loro vite sono inevitabilmente destinate ad intrecciarsi sullo sfondo del secondo catastrofico evento storico-mondiale.

Thun, Svizzera francese. Lundi, orfano, vive nella casa dei suoi avari e dispotici zii quando un giovedì del 1932 incontra, in una radura, una bambina poco più grande di lui riversa sul terreno. Un pappagallo, che le volteggia vicino, ripete parole dal significato a primo acchito indecifrabile. Chi è la bionda riccioluta priva di sensi? Lundi Immediatamente decide di portarla con sé e darle nome Jeudi, proprio come il giorno in cui è avvenuto il suo ritrovamento. Purtroppo non si sa quasi nulla circa l'identità della ragazzina: l'incidente aereo di cui è rimasta vittima le ha causato una grave perdita di memoria, e Jeudi non ricorda alcunché riguardo la propria famiglia e il paese di provenienza.

Unica chiave per risolvere il mistero legato al passato della bambina è quella che si scopre poi essere la strofa di una canzone che il suo pappagallo, ribattezzato Printemps, cinguetta costantemente: "Alpen Rose, Alpen Rose." Sulla scia di questo importantissimo indizio, i due giovani (innamorati) intraprenderanno un viaggio alla ricerca dei veri genitori di Jeudi, in un'avvincente avventura costellata da mille difficoltà ed ostacoli a prima vista insormontabili durante la quale incontreranno amici leali ed affidabili così come nemici pronti a tutto pur di raggiungere il proprio scopo. Affrontando dure separazioni, ricongiunzioni strappalacrime, precipitose e rocambolesche fughe con immancabili colpi di scena giungeranno alla conclusione che, ancora una volta, testimonierà il grande amore di cui i cuori dei due, ormai grandi, protagonisti sono stati capaci fin dal primissimo e fatale incontro.

Personaggi

Jeudi/Alicia Brendell

La protagonista di questa vicenda è la bionda e riccioluta Jeudi. La bambina è stata ritrovata insieme al suo pappagallino in una radura a Thun, in Svizzera, priva di sensi e memoria. Quale sarà la sua vera identità? Da dove proviene realmente,e quanta importanza hanno, per far luce sul suo passato, le parole "Alpen Rose"?

Lundi Cortot

Il bambino che, poiché orfano, vive presso gli zii a Thun. È lui a trovare Jeudi stesa sul terreno e a portarla a casa con sé. Divenuti più grandi, finiranno inevitabilmente con l'innamorarsi l'uno dell'altra, e Lundi deciderà di accompagnare la giovane nel suo viaggio alla ricerca dei veri famigliari, votando la sua vita alla protezione della donna che ama.

Conte Georges De Gourmont

Primo e accanito persecutore della coppia e alleato delle forze tedesche/naziste, mira a tenere con sé Jeudi vedendo in lei il volto della madre, antico e perduto amore. Sarà il maggiore artefice delle fughe dei due innamorati, e fino all'ultimo proverà a separarli con ogni mezzo.

Leonard Aschenbach /Leon

Se "Alpen Rose" è la chiave legata al passato di Jeudi, Leon è colui che saprà usarla per rivelarne la verità: è lui infatti il giovane compositore tedesco del celebre motivo ripetuto dal pappagallo, e in più amico della famiglia di Jeudi/Alicia. Il talentuoso amico d'infanzia di Alicia, i cui parenti sono stati uccisi negli stermini nazisti, aiuterà la ragazza a ritrovare i propri genitori.

Printemps

Il pappagallo che fin dall'inizio accompagna Jeudi, probabilmente le era accanto fin da bambina. Conosce e ripete la strofa di una canzone anti-nazista, Alpen Rose, che si rivela di estrema importanza per la scoperta della verità circa il passato della giovane.

Info

In Italia

1° Edizione

Ultimo numero uscito

Titolo:

Alpen Rose

Casa editrice:

Star Comics

Inizio pubblicazione:

Dicembre 2007

Prezzo:

4.20 €

Status serie:

Conclusa (8 volumi)

Cover Italiane della 1° edizione:

In Giappone

Ultimo numero uscito

Titolo:

Alpine Rose

Casa editrice:

Shogakukan

Rivista di serializzazione:

Ciao

Inizio pubblicazione:

1983

Status serie:

Conclusa (9 volumi)

Cover Giapponesi della prima edizione:

Opinioni

Opinioni dello staff di Shoujo Love
Storia:
Originalità:
Disegni:
Edizione italiana:

Scritte da Bunny

Alpen Rose, Alpen Rose, corri dalla mia amata dille che le voglio bene... Con la mia spada in mano un giorno arriverò a salvarla... Corri a dirlo alla mia amata, Alpen Rose!

Alpen Rose è, insieme ad Amakusa 1637, una delle opere più famose e note dell'autrice originaria di Urawa, nella prefettura di Saitama. Michiyo Akaishi è creatrice prolifica e poliedrica: fin dal suo debutto, datato 1980, ha infatti dato alla luce una vasta serie di opere attraversanti i generi più disparati (sportivo, storico e infine avventuroso/misterioso). La romantica e avventurosa storia di Jeudi e Lundi resta però, di fatto la sua più rappresentativa esperienza in qualità di mangaka, e l'unica a poter vantare una (in Italia scempiata e stravolta) trasposizione animata.

Con Alpen Rose siamo catapultati in un mondo che si prepara ai prossimi duri anni del regime nazista, con tutto ciò che ne conseguirà: persecuzioni, fughe e stermini. Non sono certo anni facili, quelli che vedono la nascita dei due protagonisti: lo sfondo storico di portata mondiale infatti caratterizzerà e influenzerà in vario modo le vicende personali dei ragazzi alla ricerca della famiglia di Jeudi. Per quanto riguarda la costruzione tematica, la Akaishi origina un intreccio ben strutturato in cui ogni personaggio ha una propria parte attiva nel susseguirsi degli eventi, ed è ben caratterizzato. Nessuno viene dimenticato e, anche se momentaneamente messo da parte, il suo ruolo non si esaurisce in una fugace comparsata. In questo modo perfino i personaggi secondari assumono posizione, se non centrale, quantomeno di rilevanza particolare ai fini dello svolgimento della trama e dello scioglimento finale dell'azione. Jeudi e Lundi, nella loro estenuante e inarrestabile ricerca, coinvolgono futuri amici e nemici e ne condizionano inesorabilmente le sorti. Nel bene o nel male. Circa lo stile, l'occhio del lettore/della lettrice moderno/a non può far altro che notare immediatamente le differenze rispetto alla grande maggioranza delle opere contemporanee: grandi occhi brillanti, corpi snelli e affusolati, lunghe chiome ricciute ben definite. Un tipo di disegno che potremmo associare di scatto alla Maestra degli shoujo del genere targati anni '80: Yumiko Igarashi. Molte sono le somiglianze che legano le due autrici,non solo stilistiche ma anche di tipo tematico, tante situazioni ed elementi presenti in Alpen Rose strizzano infatti l'occhio ai topoi classici del decennio considerato: i due innamorati che, semi-nudi o quasi, si stringono l'un l'altro per scaldarsi e/o si addormentano in un fienile; il tono strappalacrime e melodrammatico che pervade l'atmosfera, le dichiarazioni di amore e fedeltà totali nonostante la separazione forzata, l'acerrimo nemico che brama la protagonista, la fuga e il lieto fine tanto sospirato. Non dobbiamo però storcere il naso di fronte a questo, bensì tenere sempre a mente che si sta leggendo una serie figlia del suo tempo, con tutti gli ingredienti che ne determinano la propria specificità. Michiyo Akaishi mostra la sua abilità nel saper mixare e gestire tutti questi fattori senza mai stancare o annoiare il lettore, e soprattutto mantenendosi coerente con lo sviluppo ingegnato della storia.

L'edizione italiana di Alpen Rose ci permette finalmente di poter leggere in monografico un'opera che, nella sua versione animata, è stata fortemente censurata. Per un totale di otto volumi (il nono, contenente alcuni racconti extra, è rimasto inedito) graficamente fedeli alle cover della prima edizione Giapponese; la Star Comics riprende, con questa serie del 1983, una linea editoriale dedita alla promozione di shoujo manga classici, per la gioia di tutti gli amanti del genere e per chi chiede agli editori maggiore possibilità di scelta all'interno dello, spesso monotematico, parco titoli odierno. Alpen Rose non costituirà certo una di quelle serie-manga che si inserirebbero a pieno titolo in un ipotetico Olimpo degli shoujo, ma trattasi comunque di un manga godibile e ben costruito, a tratti mieloso ma avvincente e dal ritmo incalzante di cui senza dubbio consiglierei la lettura.

 

Opinioni degli utenti

Aggiungi la tua opinione su questa opera

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Opinione:

Citazioni

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Immagini & Co

Immagini a colori

 

Immagini in bianco e nero


Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle ultime novità del sito! ^__^

ISCRIVITI SUBITO